Documenti di viaggio per gli animali da compagnia

Se volete portare con voi in Grecia il vostro cane o il vostro gatto è necessario che abbia un documento

Il Regolamento CE n. 998/2003 (e successiva modifica del 30 marzo 2004) dell’Unione europea stabilisce infatti che cani, gatti e furetti che viaggiano nei paesi dell’Unione europea devono avere un passaporto. Il documento identificativo, rilasciato dalle Asl, è obbligatorio dal 1° ottobre 2004.

Per verificare che il passaporto appartiene a quel determinato cane o gatto, le ASL, prima di rilasciarlo, dovranno verificare che sia presente il “microchip indicativo” che viene “iniettato” sotto la cute dell’animale dai veterinari autorizzati, in una parte del corpo che verrà poi specificata sul passaporto (esempio: spalla destra, sinistra collo etc.) insieme al numero del microchip.

Il passaporto è necessario per tutelarsi dai rischi sanitari e deve contenere i dati anagrafici del proprietario dell’animale, deve certificare le eventuali vaccinazioni effettuate all’animale e obbligatoriamente la vaccinazione antirabbica effettuata almeno ventuno giorni prima della partenza. Nel caso di Gran Bretagna, Irlanda e Svezia, sarà necessario anche un test immunologico di verifica degli anticorpi della rabbia da effettuare nei tempi richiesti da ciascun Paese.

Ventiquattro ore prima della partenza il veterinario certificherà, apponendo un timbro sul passaporto, che l’animale è in condizioni di salute idonee per il viaggio.

Documenti nececssari per altri animali

Il documento non è obbligatorio per es. uccelli, pesci, rane, tartarughe terrestri, roditori e conigli che dovranno avere un certificato di visita sanitaria ed immunità da malattie infettive. Per gli animali e/o piante elencati nella Convenzione di Washington (“specie animali protette”: es.pappagalli, lucertole, serpenti, tartarughe acquatiche, pesci ornamentali, alcune specie di uccelli, scimmie … piante: es.alcuni esemplari di cactus ed orchidee ..) si deve esibire (oltre al certificato sanitario per gli animali) il certificato CITES – Convenzione sul commercio internazionale delle specie in via di estinzione – di autorizzazione all’esportazione.

Muoversi con un cane in Grecia

Parliamo soprattutto di cani perché sono gli animali da compagnia che più spesso portiamo con noi in tuttii nostri spostamenti sia a casa che in vacanza, ma queste regole valgono per tutti gli animali in Grecia.

Negli spazi e luoghi pubblici (giardini, spiagge, locali ecc.) i cani e gli altri animali devono essere sempre accompagnati e tenuti dal padrone con responsabilità personale su eventuali danni a persone, animali e cose; sono comunque accettati in gran parte delle strutture turistiche. Il trasporto sui mezzi pubblici (bus) è permesso con la specifica gabbia riportante i dati anagrafici; sui treni (esclusi IC) sono accettati in compartimenti separati.