Le grotte di Santa Sofia

Le Grotte di Santa Sofia, sull’isola di Creta, dove la maestosità della natura si congiunge ad una forte spiritualità

Le Grotte di Santa Sofia si trovano sull’isola di Creta nella prefettura di Chania, la parte più occidentale dell’isola. Percorrendo la strada principale che porta ad Elafonissi, nei pressi del villaggio di Vathi e di una piccola galleria (forse l’unica di tutta Creta) si arriva alle Grotte, un’attrazione naturale e un luogo dal grande valore storico-religioso-culturale.

Questo luogo sacro, contraddistinto anche da una bandiera della Chiesa Ortodossa al suo ingresso, si raggiunge percorrendo uno stretto sentiero composto da numerosi scalini che si inerpica nella roccia. La grotta di Santa Sofia (in greco Agia Sofia) è a un’altitudine di 285 metri, comprende una cupola alta 20 metri con 70 metri di diametro, quindi molto più ampia di quanto sembri guardandola dal basso. La grotta è disseminata di stalattiti multiformi e stalagmiti a testimoniare la sua lunga storia, qui sono anche stati ritrovati numerosi reperti del neolitico.
Creta, le grotte di Santa Sofia

Stalattiti e stalagmiti che alimentano leggende

All’interno della grotta c’è una chiesetta, piccola e ordinata, dove è possibile lasciare le offerte accedendo delle candele sotto alcune bellissime icone. Uscendo dalla porta secondaria della chiesetta, ci si incammina nella grotta vera e propria, che lascia davvero esterefatti. Le stalagmiti misurano fino a 5-6 metri e lo stesso le stalattiti, ma per vedere queste si deve scendere verso l’interno della montagna a circa 5 metri di profondità, cosa che rende le grotte ancora più suggestive.

Qui stalattiti e stalagmiti prendono forme strane, ad esempio c’è un ammasso roccioso che sembra un cavallo. Nei secoli queste forme hanno alimentato numerose leggende, ad esempio quella che racconta di San Giorgio, l’uccisore del drago, che si rifugiò in questa grotta e il cui cavallo lasciò un’impronta indelebile nella roccia. Oppure, la leggenda popolare che dice che gli animali entrano nella grotta ed escono in superficie a chilometri di distanza: gran parte dei cunicoli e delle grotte, infatti, è ancora inesplorato e riesce ancora a risvegliare la fantasia di tante persone.

L’aria che si respira nelle Grotte di Santa Sofia ha qualcosa di mistico: la spiritualità è molto forte in questo luogo, favorita dalle candele e dalle icone, ma soprattutto dalla maestosità delle rocce che richiamano alla grandezza del creato e all’oscurità delle parti intere della roccia, che aprono una finestra sull’ignoto.

Come raggiungere le Grotte di Santa Sofia

Le grotte si trovano sulla strada principale che va verso Elafonissi da Chania, le indicazioni da seguire sono quelle per Vathi. Attenzione alla strada, soprattutto in discesa, perché non è il massimo del comfort e della sicurezza. Distanze principali: Elafonissi – 10 km (10 minuti); Paleochora (porto per Koyfonisi) – 38km (60 minuti); Kissamos – 30km (45 minuti); Heraklion – 200km (180 minuti); Gole di Samaria – 72 km (100 minuti); Chania – 60 km (70 minuti); Falasarna – 40 km (60 minuti).