Karpathos, una spiaggia della costa

Karpathos, bella e selvaggia!

A Karpathos si trova ancora tutto il fascino della Grecia autentica

Karpathos, una delle belle spiagge dell'isola

L’isola di Karpathos offre sapori ed atmosfere di una Grecia autentica, ospitale e calorosa, proprio perché sinora è rimasta ai margini delle grandi rotte turistiche, conservando così un fascino del tutto particolare nonostante la sua posizione centrale, si trova infatti a metà strada tra Rodi e Creta.

E’ la seconda isola per estensione del Dodecaneso: 48 km da nord a sud, lunghissima rispetto ad una larghezza di soli 15 km, l’isola misura 301 kmq ed ha uno sviluppo costiero di 160 km. Il suo nome in italiano è Scarpanto, ma viene usato molto raramente.

Le città e i villaggi di Karpathos

Sulla costa orientale un’ampia baia accoglie il capoluogo, Karpathos detto anche Pigadia ; quest’ultimo, sviluppatosi solo negli ultimi anni turisticamente si affaccia sul coloratissimo porticciolo di pescatori, con le sue taverne, i tipici ristoranti e negozi che caratterizzano il centro della vita notturna dell’isola.

Karpathos, al città di Pigadia di notte

La cittadina si è sviluppata attorno alla baia di Vrondi, un litorale sabbioso di 4 chilometri ben attrezzato anche per gli sport acquatici più diffusi.

A circa 8km a sud di Pigadia si trova Amoopi, una splendida località balenare con un mare davvero cristallino e splendide spiagge. Nella parte meno conosciuta dell’isola, a circa 17 km da Pigadia, vi è il villaggio di Arkasa, dal quale sono facilmente raggiungibili le spiagge più amate dai surfisti.

Nella parte settentrionale dell’isola si trova Diafani, piccolo porto collegato da una stradina a Olympos, piccolo villaggio arroccato su un monte come un castello medievale che conserva antichi costumi e tradizioni popolari tanto da essere diventato oggetto di studio di numerosi etnologi. Una visita a Olympos è da mettere assolutamente nel vostro programma di viaggio.

Il villaggio Olypmos a Karpathos

La parte meridionale e quella settentrionale dell’isola sono separate dalla catena montuosa che attraversa Karpathos e si sono sviluppate autonomamente nel corso dei secoli. Ancora oggi mantengono caratteristiche decisamente differenti, molto interessante prendersi un po’ di tempo per visitare i diversi villaggi e per conoscere la storia e le abitudini di questi luoghi.

[huge_it_maps id=”14″]

Cosa fare a Karpathos

Da vedere in Grecia

Milos, Paliorema: spiaggia delle miniere di zolfo
Paliorema: la spiaggia delle miniere di zolfo a Milos
Sull’isola di Milos, nell’arcipelago delle Cicladi si trova la piccola baia di Paliorema con le sue miniere di zolfo abbandonate. Uno straordinario esempio è la spiaggia Thiorichia famosa per la presenza di una vecchia miniera di zolfo abbandonata nel 1956 ...
Le spiagge di Citera
Citera (o Kythera), nell’arcipelago delle Isole Ionie, è un’isola montagnosa con valli che raggiungono il mare formando insenature con splendide spiagge. La costa è molto varia e così anche le cale e le insenature, le spiagge di sabbia e i ...
Trekking sulle montagne di Thassos
Sport e natura in Grecia
La Grecia da non perdere, alcuni itinerari e suggerimenti per gli amanti del trekking, delle gite in bicicletta e per chi pratica free-climbing su roccia.
Kos, Asklepieion ingresso
Il sito archeologico di Asklepieion a Kos
Il sito archeologico di Asklepieion sull’isola di Kos, è uno dei più importanti della Grecia. E’ conosciuto anche come tempio di Esculapio, deve la sua fama ad Ippocrate, il padre della medicina moderna, che qui prima studiò e poi insegnò.
La laguna di Balos sull'isola di Creta
La laguna di Balos sull’isola di Creta
Sull’isola di Creta è possibilie ammirare la Laguna di Balos, nata dall’insabbiamento dell’isola di Capo Tigani, oggi penisola grazie a due lingue di sabbia lunghe circa 400 metri ognuna. E’ considerato uno dei posti più belli del mondo, vedere per ...
Teatro di Odisseas Elytis a Ios
Teatro di Odisseas Elytis a Ios
Il Teatro di Odisseas Elytis è una splendida opera architettonica costruita a Ios alla fine degli anni Novanta dall’architetto tedesco Peter Hauptsi rifacendosi allo stile dorico. E’ dedicato al poeta greco Odysseas Elytis, vincitore del Premio Nobel nel 1979.