Alonissos spiaggia dei laghi

Alonissos, la natura in tutto il suo splendore

Alonissos, la più remota delle isole Sporadi, è un tempio naturale per gli amanti delle tradizioni

Alonissos è un’isola non ancora scoperta dal turismo di massa, se cercate itinerari alternativi per le vostre vacanze questa è sicuramente un’ottima idea. E’ l’isola più lontana delle Sporadi del nord e ospita il Parco Naturale Nazionale delle Sporadi, un rifugio per rari uccelli marini, delfini e la foca monaca. Inutile aggiungere che dal punto di vista naturalistico e paesaggistico è incantevole e chi cerca relax, passeggiate nella natura, immersioni in un mare purissimo Alonissos è da visitare almeno una volta nella vita.La foca monaca del Mediterraneo

Secondo la mitologia il primo abitante dell’isola fu Stafylos (vale a dire uva), figlio di Dioniso e Ariadne. Questo mito spiega i legami forti dell’isola con la viticoltura dai tempi antichi fino ai giorni nostri. Le urne con il timbro Ikion (antico nome dell’isola) sono state esportate in tutto il mondo antico, confermando la grande fama dell’isola quale eccellente regione produttrice di vino. Secondo il mito, Pileas, il padre di Achille, fu sepolto su Alonissos. Per questo motivo il secondo nome dell’isola è “Achilliodromia”. Diverse versioni di questo nome sono sopravvissute negli anni: “Hiliodromia”, “Liadromia”, “Diadromia”.

Alonissos, capo Kokinokastro

Alonissos fu una delle prime isole dell’Egeo ad essere abitata, come indicato dai resti di insediamenti neolitici trovati a Capo Kokkinokastro (che significa “Castello Rosso”) e rilevamenti della presenza umana già nel IX sec. a. C. avvenuti nella caverna di Cyclop sull’isola di Yioura. E’ da sempre posta al crocevia delle principali rotte marittime, anche la nave degli Argonauti partirono da qui per recuperare il Vello d’Oro e gli Achei salparono per Troia.

Patitiri, il capoluogo di Alonissos

Arrivati ad Alonissos incontrerete subito Patitiri, pittoresco porto e capoluogo dell’isola, con il bellissimo lungomare lastricato in pietra che prende il nome dalle bottiglie di vino usate dai locali, occupati principalmente dalla vinificazione. E’ una cittadina piuttosto moderna con due strade principali che si incrociano e numerose stradine, non è pittoresca, ma qui troverete tutto quello che vi serve e una gradevole accoglienza.La baia di Alonissos

Da visitare il piccolo Museo della Casa Tradizionale di Alonissos, un museo privato aperto nel 2005 da Costas e Angela Mavriki dove potrete gustare la storia dell’isola nella sua quotidianità. Patitiri vive delle attività del porto e sempre dal porto partono numerose escursioni e i taxi-boat che vi porteranno nelle più belle spiagge dell’isola.

Le vacanze sull’isola si trasformano in un’esperienza formativa con una visita al MOm, Centro Informazioni della Società per lo studio e la protezione della Foca monaca mediterranea. Il MOm esiste dal 1990 e ha sede in uno degli edifici centrali del porto a Patitiri. Al suo interno sono presenti tavole con informazioni sulla foca monaca, mostre, informazioni e materiale video. Inoltre il personale è molto disponibile e professionale. In esatate il centro è aperto dalle 10 del mattino a tarda sera.

Vicinissimi  a Patitiri consigliamo di visitare i minuscoli centri di Roussoum e Votsi, due baie molto tranquille.Alonissos, vecchia Chora

Hora (o Palia Alonissos, Alonissos Vecchia), la vecchia capitale dell’isola quasi completamente distrutta dal terremoto del 1965, è invece l’anima più tradizionale di Alonissos. Dista solo 3km da Patitiri e qui si trovano la maggior parte delle taverne e dei ristorantini dell’isola, per questo la sera diventa un po’ il punto di ritrovo di tutti gli ospiti dell’isola. A Hora si trova anche un castello medievale con vista spettacolare sul mare e numerose chiese decorano le sue stradine in puro stile greco. Un sentiero conduce da Hora alla chiesa di Agioi Anargyroi, dove si può godere una bella passeggiata nella fitta pineta.

Terzo centro abitato di Alonissos è Milia, in una posizione idilliaca verde, troverete l’Accademia Internazionale di Omeopatia, che conserva ancora viva la tradizione radicata della medicina popolare grazie alle erbe “miracolose” che crescono sull’isola.

A Stenì Vala opera l’unico Centro di Assistenza della foca monaca mediterranea di tutto il Mediterraneo. Il Centro è specializzato nell’accoglienza delle foche neonate ed è considerato la “casa”, in senso letterale, dei cuccioli orfani.

Cosa vedere ad Alonissos

Una gita obbligatorio se siete arrivati fino qui è una giornata in barca esplorando il Parco Nazionale

E per proseguire via mare potete scegliere tra alcune delle piccole isole sparpagliate nel mare attorno Alonissos:

  • Yioura ha una grotta di stalattiti abitata in epoca neolitica dove si dice che vivessero i Ciclopi di Omero
  • Kyra-Panagia (o Pelagoníssi) appartiene al monastero Megistis Lavras sul Monte Athos. Qui potete visitare un monastero del XII secolo, uno dei porti naturali più grandi del Mediterraneo, la baia di Planitis, un mulino ben conservato e un torchio restauro per la pressatura di olive e uva.
  • Piperi è l’isola centrale del del Parco Nazionale dove vive la foca monaca e nidificano gli uccelli marini. L’accesso in barca è vietato, la visita rimane quindi a una certa distanza dalle coste;
  • Ksiro (o Peristera) con spiagge sabbiose incontaminate;
  • Skatzoura dove sorge il suggestivo monastero di Evaggelistria;
  • Psathoura, un’isola vulcanica dominata dal suo faro, il più alto dell’Egeo, costruito dai francesi nel XIX secolo e dalle rovine di un’antica città sul fondo del mare.

La cucina e le specialità di Alonissos

Durante il vostro soggiorno oltre agli spuntini veloci a base di Pyta e Gyros dove assolutamente assaggiare alcune specialità locali: la torta di formaggio, i fichi grigliati con il miele, la kakavia (zuppa di pesce) e la famosa torta di noci. E per portare a casa un po’ di sapori dell’isola potete scegliere tra le ciambelle tradizionali in greco fouskakia, i tipici dolci a forma di triangolo con sopra lo zucchero a ricciolo, gli hamalia, i dolci di mandorle, gli amigdalota.

[huge_it_maps id=”20″]

Cosa fare ad Alonissos

Alonissos, spiaggia di Chrisi Milia
Il Parco Nazionale Marino di Alonissos
Il parco marino nazionale di Alonissos e delle isole Sporadi settentrionali, in Grecia, è il più grande parco naturale marino d’Europa. Qui vive la foca monaca mediterranea e nidificano numerosi uccelli marini, alcuni anche molto rari.

Da vedere in Grecia

Grotta e lago Melissani a Cefalonia
Il Lago Melissani, il cuore segreto di Cefalonia
Il lago Melissani è una delle maggiori attrazioni di Cefalonia. Si tratta di un magnifico lago sotterraneo ospitato da una grotta la cui volta à crollata nel terremoto del 1953, da allora i raggi del sole illuminano il lago creando ...
Skiathos, l'antico kastro
Il castello di Skiathos
Skiathos conserva i resti della sua antica capitale, costruita in un luogo inespugnabile dalle numerose incursioni dei pirati e oggi spettacolare punto panoramico Verso la metà del XIV secolo, a causa delle continue incursioni dei pirati, le popolazioni di Skiathos furono ...
Kalymnos, arrampicata a picco sul mare
Festival di arrampicata Kalymnos 2017 – Climbing Festival Kalymnos
Il Kalymnos Climbing Festival 2017 si svolge da giovedì 5 a domenica 8 ottobre in diversi punti di Kalymnos, isola del Dodecaneso e paradiso dell’arrampicata.
Santorini, mare-con-barca-a-vela
Le spiagge di Santorini
L’isola di Santorini è amata per le sue atmosfere romantiche e il divertimento assicurato, ma le sue spiagge di origine vulcanica sono davvero spettacolari Non aspettatevi spiagge caraibiche di sabbia bianca e mare turchese: l’origine vulcanica di Santorini ha lasciato il ...
Teatro di Odisseas Elytis a Ios
Teatro di Odisseas Elytis a Ios
Il Teatro di Odisseas Elytis è una splendida opera architettonica costruita a Ios alla fine degli anni Novanta dall’architetto tedesco Peter Hauptsi rifacendosi allo stile dorico. E’ dedicato al poeta greco Odysseas Elytis, vincitore del Premio Nobel nel 1979.
Rodi, Valle delle Farfalle
Rodi, la valle delle farfalle
Sull’isola di Rodi ogni anno in estate migliaia di farfalle della specie Panaria Quadripunctaria arrivano nella valle di Petaloudes creando una magica atmosfera piena di colori.